L’ecumenismo di don Primo Mazzolari,  a cura di M. Maraviglia, M. Margotti, Marietti 1820, Genova-Milano 2009 cfr. Academia.edu

ecumenismo_mazzolari

 

L’indagine sull’ecumenismo di don Primo Mazzoni permette di affrontare uno dei temi che hanno reso il prete cremonese figura di particolare rilievo nella Chiesa del Novecento, interprete di istanze che si sarebbero diffuse nel cattolicesimo negli anni del Concilio vaticano IL Fin dagli anni Venti, in una stagione di accesa polemica contro il protestantesimo, il parroco di Bozzolo si segnalò per essere una delle poche voci controcorrente rispetto all’atteggiamento predominante nella Chiesa cattolica dell’epoca. Il volume L’ecumenismo di don Primo Mazzolati ricostruisce, nel quadro dei rapporti tra cattolici e protestanti, le scelte compiute da don Primo tra gli anni Venti e gli anni Cinquanta: nelle sue amicizie come nella sua predicazione e nei suoi libri percorse le strade impervie dell’ecumenismo, proponendo a tutti i credenti la ricerca delle radici comuni per superare gli ostacoli che per secoli avevano lacerato il cristianesimo.

Contributi di G. Bouchard, G. Giussani, M. Gnocchi, M. Maraviglia, M. Margotti, R. Moro, A. Zambarbieri

ACLI. Cinquant’anni di presenza nella Chiesa e nella società italiana, San Paolo, Cinisello Balsamo 1996 cfr. Academia.edu

Acli 50 anni

 

Il volume, uscito in occasione della celebrazione dei cinquant’anni di vita delle Associazioni cristiane lavoratori italiani, è un volume-antologia che ne ripercorre le vicende attraverso la lettura che ne hanno dato, nelle diverse stagioni, gli organi di informazione. “Le Acli – annota Maraviglia, nei cinquant’anni della loro storia sono state al centro di un’attenzione costante da parte della stampa di diversa ispirazione e le loro scelte sono state oggetto di dibattiti e polemiche vivacissime, che andavano ben oltre la vita dell’associazione per investire i processi e i mutamenti in atto nella società italiana”. Queste pagine di giornali, dunque, si lasciano ormai alle spalle l’immediatezza della cronaca per diventare esse stesse documenti storici di un’epoca che merita di essere ripercorsa e più attentamente compresa.

m.d.p., “Jesus”, luglio, 1996